New York, cosa fare e vedere: luoghi importanti e insoliti della Grande Mela

0
12

New York è una di quelle città da vedere almeno una volta nella vita. Frenetica, immensa, “altissima” e spettacolare; altri aggettivi non bastano per descrivere questa metropoli, che affascina al primo sguardo e piena di luoghi insoliti e particolari. Quando l’aereo sta per atterrare all’aeroporto Jfk si scorgono da lontano gli altissimi grattacieli, che lasciano già senza fiato e l’impatto è fortissimo. Non è facile quantificare quanti giorni servono per visitare New York; certamente, per una visita approfondita, una settimana è necessaria per non perdere nemmeno un luogo di interesse della Grande Mela, ma è tutto relativo. Parleremo più volte di NY, ma oggi vogliamo iniziare con un primo sguardo su questa metropoli, protagonista di numerosi film americani e anche del nostro immaginario collettivo. Cosa fare e vedere a New York? Scopriamo le attrazioni imperdibili per iniziare una prima visita, tralasciando per un attimo i must più noti come l’Empire State Building, il Rockfeller Center e Time Square, di cui si sa già tanto.

Cosa visitare a New York: non solo Statua della Libertà e Ponte di Brooklyn

Partiamo dal Lower Manhattan, la parte più bassa della città e anche la più vecchia, dove antico e moderno si fondono. Qui troviamo Wall Street, il famoso incrocio in cui sono dislocate la Trinity Church (progettata nel 1846 in stile gotico), la Borsa e il Federal Hall National Museum.
Sempre in zona si trova lo One World Trade Center, il più alto grattacielo costruito sul sito delle Torri gemelle, cui all’interno, oltre ad uffici, è presente un osservatorio posto al 100esimo piano. Il costo del biglietto è di $32 per gli adulti.
La Statua della Libertà, simbolo della città, alta 93 metri è una delle migliori attrattive di New York. Per arrivare bisogna prendere il traghetto da Battery Park (un ottimo modo per godere di vedute spettacolari sullo Skyline di grattacieli). Il giro in traghetto prevede la sosta anche a Ellis Island, l’isolotto che in passato fungeva da punto di accoglienza per gli immigrati. Qui è possibile visitare il museo Ellis Island Immigration, che racconta il crogiolo di razze che rappresentano gli Usa.
Skyline di New York
South Street Sea Port e il Ponte di Brooklyn. Il vecchio porto, ad oggi, è uno dei luoghi più attraenti e movimentati di Ny, dove sorgono negozi, cafè e una lunga passeggiata da cui è possibile scorgere il noto ponte di Brooklyn, che collega Manhattan al popoloso borough cittadino. Attraversarlo a piedi è un must per arrivare al Brooklyn Bridge Park, un parco che regala una vista scenografica sullo skyline di Manhattan.
Lower East Side, China Town e Little Italy. Quartieri etnici per eccellenza, a tratti pittoreschi e ricchi di ristoranti italiani o orientali, mercati e bancarelle di frutta. Da non perdere il mercato di Canal Street.
Greenwich Village, dai newyorchesi chiamato semplicemente Village è il quartiere universitario e bohemienne della Grande Mela, il suo fulcro è Washington Square.
new-york-midtown
Chiudiamo con Central Park e il Moma ( Museum of Modern Art). Il primo è il polmone verde della città, un’oasi grandissima in cui perdersi tra sentieri, laghi camminando a piedi o semplicemente affittando una bici. All’interno potete vedere la statua di Alice nel paese delle meraviglie e durante i mesi invernali divertirvi nella pista di pattinaggio. Il Moma, è indubbiamente uno dei musi più belli del mondo, contiene una vasta collezione di opere di arte moderna di grandi pittori tra cui Picasso e Van Gogh. L’edificio di 6 piani si caratterizza per le pareti vetrate che creano una particolare luce all’interno delle sale.
Quando andare a New York? Praticamente ogni stagione è ideale per visitare questa città, anche se le più belle sono l’autunno e la primavera, oppure durante il periodo natalizio.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here