India clima e quando andare: consigli per la vostra vacanza

L’India è uno dei pochi paesi che presenta una vasta varietà climatica. Sapere quando andare in base al clima è importante ma bisogna tenere in considerazione che nella maggior parte delle aree questo è tropicale e praticamente influenzato dai monsoni. In linea sintetica l’India presenta la classica stagione umida e quella secca e la piovosità è concentrata da luglio a settembre, in maniera maggiore nella parte sud occidentale del paese.

Il clima in India

Parlando di temperature i mesi più caldi sono compresi tra aprile e giugno, poi arriva il monsone che porta le piogge fino a settembre. I mesi più freddi sono compresi tra dicembre e febbraio. Nelle zone costiere i valori sono quasi sempre alti ma le brezze mitigano il caldo.

Per approfondire i tipi di clima presenti in India bisogna considerare le zone. Sull’Himalaya il clima è montano e i valori si fanno sempre più bassi con l’innalzarsi delle quote. Mentre gli inverni possono essere gelidi, le estati si presentano piovose, mentre l’autunno soleggiato e secco.

Nel nord dell’India, dove si trova la pianura indo-gangetica il clima sembra mite quasi tutto l’anno. I mesi invernali sono freschi con medie di 15-18 gradi, da marzo a maggio fa molto caldo, poi da metà giugno con l’arrivo del monsone aumentano le piogge fino ad ottobre.

Nella parte nord occidentale al confine col Pakistan, nel deserto di Thar, il clima è arido e il monsone è meno irruento. L’inverno presenta valori miti, da marzo diventa molto caldo fino ad arrivare ai 45 gradi di giugno.

Nel nord est il clima si fa decisamente più umido con inverni miti e temperature in rialzo da marzo. Questa zona è particolarmente interessata dai monsoni che imperversano da giugno in poi.

A Calcutta l’inverno è molto mite, da marzo a giugno è facile percepire 40 gradi poi con l’arrivo del monsoni da giugno ad ottobre le precipitazioni diventano abbondanti.

victoria-memorial-calcutta
Il Victoria Memorial a Calcutta

Ancora più caldo fa a Nuova Delhi, dove anche l’inverno è caratterizzato da valori sopra i 20 gradi. Nell’area centro sud il clima è tropicale: da dicembre a febbraio i valori medi si attestano sui 20 gradi, da marzo in poi il riscaldamento è notevole e il periodo delle piogge può durare da giugno a fine anno. clima simile anche nel Sud ovest e nelle isole Laccadive, Nicobare e Andamane nel Golfo del Bengala, dove l’umidità è presente tutto l’anno e le temperature alte praticamente sempre.

A Mumbai anche tra dicembre e febbraio si possono percepire oltre 30 gradi, poi da marzo c’è un leggero aumento meno forte rispetto alle altre aree, circa 33 gradi che aumentano progressivamente fino a giugno.

Quando andare

Per decidere il periodo migliore è necessario considerare la zona di interesse. In genere da novembre a febbraio può essere un buon momento per vedere il paese nella sua quasi totalità. Per un viaggio nelle coste del Sud o sulle isole è meglio organizzare tra gennaio e fine febbraio per evitare le piogge che durano anche a dicembre. Per fare vita da spiaggia sul litorale occidentale, perfetti sono i mesi tra dicembre e febbraio. Chi regge bene le alte temperature può visitare l’India anche a marzo. I mesi estivi sono ottimi per scoprire il Rajasthan nel nord del paese o le zone montane del Kashmir.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here