Ecuador clima e quando andare: consigli per la vostra vacanza

quito-ecuador

Oggi parliamo del clima dell’Ecuador per poter scegliere al meglio quando andare e scoprire le meraviglie di questo paese del Sudamerica. Come per altri luoghi, anche l’Ecuador presenta una varietà climatica importante. Nonostante sia attraversato dall’Equatore a nord, non è soltanto di tipo equatoriale ma si diversifica in base alla zona del paese.

Il clima dell’Ecuador

quito-panoramica-ecuador
La città di Quito

Conoscere le condizioni climatiche di questo paese è fondamentale per esplorare il suo territorio, ricco di scenari diversi e paesaggi pieni di contrasti. La parte nord sulla costa, est e nord est del paese è essenzialmente caratterizzata da un clima equatoriale, dunque temperature alte ed umide per buona parte dell’anno, precipitazioni frequenti e una vegetazione molto ricca, non a caso questa è la parte dove di dipana la foresta equatoriale.

La parte a nord più estrema del paese, tra la zona amazzonica, e la Colombia, presenta un clima equatoriale puro, dunque piove molto spesso e soprattutto nel tardo pomeriggio, mentre i valori sono sempre alti e asfissianti. Solitamente piove meno tra agosto e novembre nell’area nord ovest e da novembre a marzo nelle foreste pluviali.

Procedendo verso il centro e la parte andina dell’est troviamo una condizione climatica particolarmente piovosa. Qui praticamente piove sempre e il cielo è spesso coperto ma le temperature che si percepiscono sono più basse rispetto al nord. Gli unici mesi in cui piove un po’ meno sono gennaio e febbraio.

Ad ovest, dove le pianure imperversano, il clima cambia decisamente e si trasforma in tropicale, con la classica stagione umida e quella secca. La prima copre il periodo compreso tra dicembre e giugno, la seconda tra maggio a fine novembre/dicembre. In questa parte del paese piove abbastanza ma nella stagione secca le precipitazione cessano e i valori diventano comunque gradevoli.

Alcune differenze sono date anche dalla costa o dall’interno. Nelle coste centro-sud il clima è più secco e piove meno rispetto alle aree interne, dove oltretutto il sole è molto poco presente. Scendendo ancora verso sud, dove iniziano le Ande, il clima diventa freddo, mentre procedendo verso ovest diventa in parte oceanico poiché influenzato dalle correnti dell’oceano. In questa parte dunque troviamo condizioni più fresche e asciutte.

Nel centro del paese dominano le Ande, divise in due cordigliere e con tanti vulcani e ghiacciai a 5mila metri di altitudine. Questa è l’area della capitale Quito, del vulcano Chimborazo e altri punti turistici importanti. Mentre in altura è ovviamente rigido, sugli altopiani adiacenti il clima è mite e sembra associabile alle nostre mezze stagioni. I valori si mantengono sui 15-20 gradi.

Quando andare

Dovendo scegliere un periodo migliore per andare in Ecuador possiamo dire, in generale, che quelli più indicati per una visita generica sono luglio e agosto, quando il sole appare più spesso e piove meno. Questo vale per buona parte del paese meno la zona settentrionale, amazzonica e la costa ovest dove le precipitazioni sono presenti anche in questo momento e spesso è nuvoloso. In alternativa sono fattibili anche giugno e settembre.

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui