Cosa vedere nella Riviera del Conero

E’ possibile definirla come una destinazione alternativa e low cost nello stesso tempo: sto parlando della Riviera del Conero, meta di suggestiva bellezza, ideale per chi non vuole rinunciare al mare e scorci fascinosi, ottima cucina di pesce locale e infinite possibilità per camminate, trekking e percorsi in bici sul Monte omonimo. Da alcuni anni a questa parte la Riviera del Conero è una delle zone più richieste per un turismo estivo e a contatto con la natura. Se amate la tranquillità, con quel pizzico di “brio” serale (che non guasta mai) nelle varie località marchigiane troverete gli ingredienti per un viaggio che vi rimarrà nella mente e magari avrete voglia di tornarci. Detto questo dove andare e cosa vedere nella Riviera del Conero?

Ancona capoluogo di regione è una città ridente e pacifica, nota per la sua tranquillità e vivibilità. Da non perdere il Monumento ai Caduti (alias Passetto) collegato al mare da due scalinate e progettato come tempio negli anni ’20 da Guido Cirilli. Il Duomo di San Ciriaco, che guarda dall’alto la zona del porto, è un altro punto imperdibile della città, insieme alla celebre Mole Vanvitelliana e l’Arco di Traiano.

A 9 km di Ancona si trova Portonovo, celebre località di mare dove troverete le migliori spiagge della Riviera del Conero (Bandiera Blu da diversi anni) che forma una suggestiva baia sotto al Monte Conero. Se non vi spaventano le spiagge con grandi ciottoli e qualche sacrificio per trovare il parcheggio durante l’estate, vale davvero la pena passare qualche giornata in una delle spiagge di Portonovo caratterizzate dal colore verde dell’acqua e dai fondali pieni di sorprese (imperdibili la spiaggia di Mezzavalle e Le Due Sorelle). Portonovo è famosa per il celebre “mosciolo” (la cozza) pescata fresca e pronta da mangiare nei vari ristoranti in loco.

Se amate camminare nei sentieri immersi nella natura, fare trekking o partire in bici, il Monte Conero è un’altra meta da non lasciarsi sfuggire. Sono disponibili diversi percorsi (più o meno difficili) che variano da 30 minuti a 4 ore, da poter percorrere a piedi o in mountain bike con soste scenografiche nei vari belvedere del monte, da cui godrete di un panorama mozzafiato sulla Riviera.
numana
Tra i posti da visitare spiccano anche Sirolo e Numana, due località a circa 15 km da Ancona, note per il turismo estivo e le spiagge attrezzate. Le più note sono la spiaggia dei Sassi Neri e quella di San Michele a Sirolo (raggiungibili con un bus navetta) e la Spiaggiola di Numana. Entrambe, tra l’altro, offrono alcuni spunti interessanti per il dopocena; il centro storico è molto animato e non mancano gelaterie, bar, pizzerie e vicoli suggestivi in cui perdersi per alcuno ore.

Quando andare? La primavera e l’estate sono le stagioni migliori per visitare la Riviera del Conero, anche se in alta stagione i prezzi sono piuttosto alti.

Come arrivare? In auto è possibile arrivare dall’Autostrada A14 (Bologna-Taranto) uscita Ancona Sud. In treno si scende alla stazione di Ancona, da cui partono numerosi treni per Roma, Bologna, Milano, Torino, Bari etc. In Aereo si arriva all’aeroporto Raffaello Sanzio di Falconara Marittima, distante 15 km da Ancona.

Cosa mangiare? Ovviamente il pesce! Da non perdere, oltre i moscioli di Portonovo, il brodetto, lo stoccafisso all’anconetana e i vincisgrassi (unico piatto di carne).

1 commento

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui