Cosa vedere a Macerata

Oggi scopriamo le 20 cose da vedere a Macerata, tra le più belle città delle Marche. In ogni angolo del paese si respira cultura, grazie alle diverse università sparse qua e là nella cittadina, che ad oggi conta poco meno di 50 mila abitanti. Vi diciamo la verità, chi arriva la prima volta e intende arrivare in paese da Ancona potrebbe anche clamorosamente sbagliare strada, non prendendo quella che, dagli abitanti della zona, viene ribattezzata la ‘Regina’, andando invece ad allungare tra strade secondarie che vi portano sì alla meta ma faticando un pochino.

Piazza della Libertà

Tra le prime cose da vedere a Macerata ritroviamo la Piazza della Libertà. Qui si affacciano alcuni dei più importanti edifici che vedremo qui di seguito. Luogo di ritrovo dei numerosissimi studenti che dal lunedì al venerdì affollano la città, la piazza principale maceratese è uno dei fiori all’occhiello del paese marchigiano.

Palazzo del Comune

Il Palazzo del Comune è uno degli edifici più importanti che ritroviamo nella Piazza della Libertà. Costruito nel Seicento dall’architetto Antonio Ossuccio, ad oggi presenta una facciata in stile neoclassico, risalente al 1820 ed opera dell’ingegnere Salvatore Innocenzi.

Loggia dei Mercanti

Anche la Loggia dei Mercanti si trova presso la Piazza della Libertà. Venne eretta agli inizi del 1500 da Cassiano da Fabriano per incarico (e in onore) del futuro papa Paolo III. Dopo essere stata chiusa a metà del 1600, la loggia è stata riaperta al pubblico nel 1905.

Palazzo della Prefettura

Il Palazzo della Prefettura domina l’aerea settentrionale della Piazza della Libertà. Anche questo edificio venne costruito intorno al 1500. In passato fu l’antica residenza dei legati pontifici.

Chiesa di San Paolo

Sempre nella Piazza del centro di Macerata troviamo la Chiesa di San Paolo. eretto nella prima metà del 1600. Si presenta con una sola navata. Al suo iterno sono presenti i dipinti del Boniforti (‘Dottori della Chiesa’) e del Conca (‘SS. Trinità e Santi Barnabiti’). D’inverno è utilizzata dall’Università mentre durante la stagione estiva ospita alcune mostre d’arte.

Torre dell’Orologio

La Torre dell’Orologio, nota anche come Torre Civica, è uno dei simboli della città di Macerata. L’opera fu completata a metà del 1600 ed è tra gli edifici più importanti, del suo genere, di tutta la regione Marche.

Teatro Lauro Rossi

In Piazza della Libertà ritroviamo anche il Teatro Lauro Rossi, che ospita al suo interno importanti momenti della stagione di prosa e lirica. Maggiori informazioni su biglietti e prenotazioni al sito tuttiteatri-mc.net.

Duomo

Il Duomo di Macerata si trova in Piazza Strambi. Venne eretto nel Settecento e dedicato a San Giuliano. L’edificio, al suo interno, è a forma di croce latine con tre navate. Dentro la cattedrale è conservata, tra le altre cose, la reliquia del braccio sinistro del santo a cui è dedicata, detto l’Ospitaliere.

Sferisterio

Con il Sferisterio ci troviamo in Piazza Mazzini. L’arena venne edificata nel primo Ottocento. Rappresenta una delle opere migliori del Neoclassicismo all’interno del Vecchio Continente. Oggi è celebre sopratutto per le ‘Stagioni Liriche dello Sferisterio’, che si svolgono nel periodo estivo.

Palazzo Buonaccorsi

Il Palazzo Buonaccorsi è sito in Via Don Minzoni ed è stato finito di costruire nei primi anni del 1700. La costruzione si deve all’architetto Giovanni Battista Contini. Nel salone ritroviamo il dipinto di Michelangelo Riccolini (‘Nozze di Bacco e Arianna’).

Museo della Carrozza

Il Museo della Carrozza è custodito all’interno del Palazzo Buonaccorsi ed è una delle attrazioni più gettonate tra i turisti che vengono a visitare Macerata. Il museo venne istituito dopo la donazione, da pate del conte Pier Alberto Conti (di Civitanova) di sei modelli di carrozze, rigorosamente sportivi.

Chiesa di Santa Maria delle Vergini

La Chiesa di Santa Maria delle Vergini rappresenta uno degli edifici ecclesiastici più belli di Macerata, anche se forse è posto fuori dal centro cittadino, a circa un km, vicino al cimitero, su di un poggio.

Basilica della Misericordia

La Basilica della Misericordia è situata in piazza San Vincenzo Maria Strambi, vicino al Duomo. La ricostruzione più recente è quella della prima metà del 1700, quando l’architetto Vanvitelli la riprogetta. È un edificio di modeste dimensioni ma di rara bellezza.

Chiesa di San Filippo

La Chiesa di San Filippo è un edificio di pari, se non superiore, bellezza rispetto alla sopracitata Basilica della Misericordia. Costruita nella prima metà del 1700 dall’architetto Contini, è sita su Corso della Repubblica.

Helvia Recina

Helvia Recina rappresenta una delle più importanti testimonianze della civiltà romana nella provincia di Macerata. La città si estendeva lungo la riva sinistra del fiume Potenza. I resti più significativi sono prezzo le rovine del teatro romano.

Palazzo della Biblioteca

Il Palazzo della Biblioteca rappresenta, ai nostri giorni, una delle migliori biblioteche di tutta la regione Marche. Chiamata anche Biblioteca Mozzi-Borgetti, risale alla fine del 1700.

Giardini Diaz

I Giardini Diaz sono il cuore verde della città di Macerata. Punto di ritrovo per studenti universitari, ragazzi e famiglie a seguito con bambini, i giardini restano una tappa non obbligata ma quasi.

Chiesa di Santa Maria della Porta

La Chiesa di Santa Maria della Porta è un’altra delle attrattive più piacevoli da vedere in quel di Macerata. Ubicata di fianco alla Piaggia della Torre, il suo nome sottolinea come un tempo nei suoi pressi arrivava la città.

Chiesa di San Giorgio

La Chiesa di San Giorgio è tra le più antiche di Macerata. Fu costruita sulla fine del 1200 e si affaccia su Piazza Trenta Aprile.

Chiesa di San Giovanni

La Chiesa di San Giovanni si trova in Piazza Vittorio Veneto. È stata costruita nel Seicento. L’architetto fu Rosato Rosati.

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui