Cosa vedere a Frontone

frontone-castello

Frontone è una rinomata città delle Marche, nella provincia di Pesaro-Urbino. La notorietà le deriva principalmente dalla sua attrazione principale, il Castello di Frontone. La mia visita risale alla fine di settembre, quando con la mia ragazza, sorella e marito abbiamo deciso di trascorrere una domenica nell’interno marchigiano, facendo prima tappa a Fonte Avellana per poi spostarci a Frontone ed infine a Pergola per la sagra del tartufo (io, come al solito, non ha mangiato di ciò che la sagra aveva da offrire). Di Frontone, oltre al castello, ricordo il vento, il verde intorno, i ciottoli delle strade e la piadina marchigiana.

Cosa visitare a Frontone

Se sei di fretta, la visita di Frontone può iniziare e terminare in meno di un’ora entrando nel castello. Per il resto, non vi è da aggiungere molto. Il nucleo centrale è qui, inclusi quei pochi ristoranti che popolano le stradine adiacenti alla fortificazione.

Chi ha più tempo, può inoltrarsi nei caratteristici vicoli del paese. Chi però è abituato alle Marche e alle sue città che rimandano costantemente al Medioevo, non ci troverà nulla di speciale. Rimane infine il panorama, che si eleva a sud con il Monte Catria ed il Monte Strega.

Il castello di Frontone

La prima cosa che ho visto una volta arrivato a Frontone è stato il castello. In posizione dominante rispetto al paese, fortunatamente è ben segnalato dalle indicazioni stradali. Inizialmente credevo che per raggiungerlo si dovesse fare più fatica, invece in un paio di minuti ero già al parcheggio.

frontone-castello-primo-piano
Frontone, il castello in primo piano

Scendo dalla macchina e più che il castello di Frontone mi incuriosisce il panorama intorno. Subito dopo una chiesetta colorata di arancione. D’obbligo però prima avvicinarsi alla fortezza.

Ad accogliermi trovo un cavallo in ferraglia, posto prima dell’ingresso. Sarà un caso, ma quel giorno la Ferrari aveva da poco perso una gara cruciale per il campionato del mondo. Se siete tifosi della Rossa e siete scaramantici, stategli alla larga.

castello-frontone-cavallo
Il cavallo all’ingresso del castello Frontone

Prima di entrare, mi soffermo a vedere la maestosità della fortezza. Non ci vuole un genio per capire il motivo per cui il castello di Frontone sia non soltanto il focus del paese ma anche – insieme al Monastero di Fonte Avellana – la principale attrazione di queste parti.

Salgo le scale. Prima un gradino, poi l’altro. Il panorama sulla tua sinistra ha il potere di ammaliarti. Ti dimentichi presto di dove sei, iniziando ad immaginare la costa, il mare, che sono sì lontani, ma non abbastanza per celarsi ai tuoi occhi.

frontone-panorama
Il panorama a sud di Frontone

Arrivato all’ultimo gradino vedo una signora. No, l’ingresso non è gratuito. A questo giro passo, lasciando entrare la sorella della mia ragazza ed il marito. Non amo particolarmente visitare l’interno di una costruzione, che sia una chiesa o un castello o anche un museo.

Scendo di nuovo giù, consapevole che per i miei gusti le potenzialità si trovavano altrove. Mi fermo un’altra volta a mirare l’infinito al di là del parapetto del castello. Scatto qualche altra foto, per poi uscire definitivamente, venendo incuriosito dai dintorni.

Intorno al castello di Frontone corre un percorso semi-circolare, che un po’ mi ha deluso perché pensavo continuasse a lambire la struttura a 360 gradi. Sarebbe stato più bello a mio giudizio. Poco male, torno indietro. C’è ancora dell’altro.

castello-frontone-percorso
Il percorso semi circolate del castello Frontone

I vicoli di Frontone

Ammetto di non conoscere la storia di Frontone, posso però vantarmi di aver camminato lungo i suoi vicoli, stretti, ombrosi, speciali, situati proprio ai piedi del castello. Mi chiedo perché siano tanti a preferirgli quest’ultimo.

Poco importa se nessuno mi darà la risposta. Per me, il momento più bello della visita è stato quando ho fatto avanti e indietro per i vicoli del centro storico. Hanno avuto il potere di rapirmi, facendomi dimenticare ben presto del vento e del castello.

A segnalare l’inizio del centro storico di Frontone è una piccola chiesa di colore arancione, che rimane in basso a sinistra rispetto alla fortezza. Non aspettatevi che suonino ancora le campane. Durante la mia visita, non ho mai sentito il loro rintocco. Credimi, la mancanza non si sente.

frontone-chiesa
La chiesa situata vicino al castello Frontone

Posso soltanto immaginare quale aria si respiri qui a Natale. La neve a nascondere i ciottoli e imbiancare le case, gli addobbi soltanto accennati, un porto sicuro sempre disponibile dove attraccare. Le cose più belle a volte accadono quando gli occhi sono chiusi.

Devo riavvicinarmi al castello, credo che la visita di marito e moglie sia terminata. Ed infatti eccoli, riemersi dalle segrete della fortezza, la cui uscita si trova sotto il parcheggio dove prima si era lasciata la macchina. E’ arrivata l’ora del pranzo, o dello spuntino, a seconda dei punti di vista.

Dove mangiare a Frontone

Le Marche sono celebri per la loro piadina. A Frontone devo dire che ho mangiato una buonissima crescia. Dopo averla desiderata per diverso tempo, eccola arrivare così, all’improvviso. L’unico appunto è che non mi ha saziato. Ma riconosco di essere un caso a parte.

Per chi desidera mangiare un pranzo completo, con primo e secondo, segnalo la presenza di un paio di ristoranti situati a pochi passi dall’entrata del castello, facilissimi da trovare proprio per la loro posizione favorevole.

Ristorante Amabile

Camminando lungo la discesa, che dal castello porta allo spettacolare panorama a sud di Frontone, subito dopo una curva, c’è il ristorante Amabile. Tutti e quattro eravamo in cerca di una piadina, ma nessuno di noi pensava che fosse così buona. Se ti accontenti di un pranzo veloce o un primo assaggio speciale, ti consiglio questo locale, scoperto per puro caso.

Non essendoci organizzati da casa e vista anche l’ora centralissima, il proprietario del ristorante ci ha detto che non c’erano più posti a sedere. Nonostante ciò, abbiamo ugualmente chiesto se potesse prepararci delle piadine da portare via e con grande gentilezza ha accettato.

Puoi scegliere fra una piadina con il prosciutto o l’erba di campo. Io sono andato sul sicuro, preferendo la prima opzione, mentre la mia ragazza ha deciso per la seconda. Per la preparazione ci sono voluti davvero pochi minuti. Non vedevo l’ora di mangiarla.

Il costo per quattro piadine e due bottiglie d’acque è stato di 22 euro. Un prezzo tutto sommato onesto, soprattutto se rapportato alla qualità del prodotto poi consumato.

Arrivo al dunque, anche se forse lo hai già capito. La crescia marchigiana del ristorante Amabile a Frontone è buonissima. Vero, giocano in casa, Urbino è qui vicina. Ma non è semplice trovare una qualità simile in queste zone. Le oltre 146 recensioni che ha su Tripadvisor, la maggior parte positive, sono tutte meritate.

Altri ristoranti a Frontone

Io sono rimasto molto soddisfatto del ristorante Amabile, ma se per un qualche motivo vuoi sperimentare altro ti segnalo velocemente gli altri locali dove puoi mangiare a Frontone a pranzo o a cena.

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui