Come muoversi a Città del Capo

La mia vacanza a Città del Capo risale a dicembre 2015. Da allora me la porto nel cuore, nonostante il peccato originale commesso sei mesi prima di partire: organizzare il viaggio giorno per giorno convinto di poter avere un’auto a noleggio. Dopo aver già prenotato hotel su hotel, scoprire di dover rinunciare alla macchina per gli spostamenti dentro e fuori Città del Capo non è stato il massimo. Forse era destino in fondo. E poi, sempre meglio rendersene conto prima e non all’arrivo in aeroporto, come mi successe nell’estate di quell’anno a Barcellona.

Dall’aeroporto al centro

Navetta hotel

L’aeroporto internazionale di Città del Capo dista dal centro poco più di 20 km. Io e la mia ragazza abbiamo prenotato la navetta dell’hotel. Ad attenderci all’aeroporto un signore, che ci ha gentilmente preso le valigie e accompagnato alla macchina. Il tempo impiegato per raggiungere l’albergo è stato nell’ordine dei venti minuti, non di più.

Il costo irrisorio, una somma inferiore ai 10 euro. Se penso che da Fiumicino alla stazione Termini un taxi chiede 50 euro quasi mi viene da piangere. Ma sorvoliamo, anche perché altrimenti dovremmo aprire un dibattito dal quale non ne usciamo più forse. Argomento trito e ritrito, non ci fa di certo bene.

Taxi

L’altra soluzione è il taxi. Generalmente sono bianchi, ma li puoi trovare anche rossi, neri e gialli. Il colore comunque poco importa, visto che non riconoscerli è impossibile avendo la targhetta gialla con scritto “taxi” sopra l’abitacolo. La loro posizione all’interno del Cape Town International Airport è segnalata dai cartelli che trovate una volta atterrati.

Il prezzo per il trasferimento dall’aeroporto al centro di Città del Capo varia dai 300 ai 400 rand, che in euro corrispondono ad una cifra intorno ai 20 euro. Sono meno economici rispetto alle navette offerte da quasi tutti gli hotel, ma in mancanza di alternative sono comunque consigliati.

In città

Hop on hop off Cape Town

citta-del-capo-hop-on-hop-off
Il bus Hop on hop off a Città del Capo | Facebook City Sightseeing South Africa

Anche a Città del Capo i bus turistici rossi a due piani rappresentano una valida alternativa per spostarsi in città e raggiungere alcune delle migliori attrazioni. Ad esempio, mi ha portato ai piedi della Table Mountain, dove mi sarò pure perso ma ho anche visto uno dei panorama più belli di sempre, pensando ingenuamente di vedere perfino i ghiacci del Polo Sud. Peccato che fossero soltanto nuvole.

Sono diversi i tour proposti dai bus Hop on hop off. Scegliendo quello per la Table Mountain (tour rosso), ti fermerai anche al Waterfront, la Torre dell’Orologio, Camps Bay e St John’s Road. Ad ogni fermata, è possibile inoltre salire su un Hop on hop off che fa un altro tour, a patto di aver comprato il biglietto che lo permetta.

Per fare un esempio sulle svariate opportunità, il tour blu fra le sue fermate più significative propone i Kirstenbosch Gardens. Il “purple tour” garantisce la visita ai vigneti di Constantia, una delle aree verdi più affascinanti da vedere a Città del Capo. Ricordo che la voce registrata all’interno del bus sottolineasse come la zona di Constantia sia celebre anche per la presenza di case appartenenti a personaggi famosi.

Myciti

citta-del-capo-myciti
Il bus Myciti per le vie di Città del Capo | Facebook Myciti Bus

Chi intende spostarsi tramite bus restando dentro Città del Capo, l’opzione più economica è rappresentata dal servizio di autobus Myciti. Prima di salire a bordo devi acquistare una card, del valore di 35 rand. La si può comperare presso una delle tante macchinette Mycity, oppure gli altri venditori autorizzati. Ricorda di memorizzare il pin della card: ti servirà per effettuare le successive ricariche.

Il costo del viaggio è basato sui km che percorri. Più è lungo il tragitto maggiore sarà l’importo che ti verrà sottratto dalla card. Se devi fare più cambi, ricorda di timbrare la card prima della partenza, per poi ripassarla una volta che stai scendendo dall’ultimo bus. Durante il weekend, nelle fasce orarie che vanno dalle 6.45 alle 8 e dalle 16.15 alle 17.30, si ha diritto a tariffe più agevolate.

Se resti a Città del Capo per più di due settimane, puoi pensare a sottoscrivere anche una sorta di abbonamento (Mover package Myciti), attraverso il quale spenderai in media il 30 per cento in meno per ciascun viaggio che fai in bus. Il pacchetto è disponibile nei seguenti importi in rand: 35, 50, 60, 80, 100, 150, 200, 300, 600, 1000.

I bus Myciti ti consentono inoltre di andare per e dall’aeroporto di Città del Capo. Partendo ad esempio dalla zona del Waterfront, per raggiungere l’aeroporto paghi 98.80 rand con tariffa normale, 70.30 se hai l’abbonamento. I prezzi sarebbero più bassi se parti nelle ore citate in precedenza (6.45-8 e 16.15-17.30).

Uber

Sia che tu sia a Milano o a Cape Town fa poca differenza. Il servizio Uber è internazionale ed ha raggiunto le principali città del mondo. Anche nella Mother City sudafricana troverai un’autista pronto a prenderti al Waterfront o a Table Mountain per portarti all’hotel oppure in un altro punto della città che tu desideri. Il tutto a portata di un clic. Ti è sufficiente scaricare l’applicazione, che automaticamente troverà la tua posizione. Sarai poi te a scegliere tariffa e auto.

Nel portale ufficiale di Uber, nella sezione dedicata a Città del Capo, puoi fare una prima stima di quanto verrai a pagare in base al percorso selezionato. Se ad esempio hai appena trascorso un pomeriggio al Waterfront e vuoi tornare nell’albergo situato al centro della città, pagherai una somma compresa fra i 34 e 44 rand, pari a 2 euro. Una tariffa inferiore a qualunque taxi che troverai in questa zona e negli altri quartieri. Non dovrai preoccuparti di pagare in carta, poiché l’app è collegata alla tua carta di credito.

Per escursioni

In treno

citta-del-capo-southern-line
Il treno della Southern Line a Città del Capo

Se non hai un’auto a noleggio e desideri spostarti da Città del Capo per un’escursione di qualche ora, hai tra le opzioni a propria disposizione il treno. La linea maggiormente in voga fra i turisti è la Southern Line, servita dalla stazione centrale dei treni situata presso Adderley Street, nel quartiere degli affari. Il capolinea è la stazione della cittadina Simon’s Town, di cui ti ho già parlato per la descrizione della Boulders Beach.

Scegliendo la Southern Line, avrai la possibilità di fermarti e ammirare i sobborghi a sud di Città del Capo. Prima di arrivare a Simon’s Town, sono previste 26 fermate. Anche se sei diretto alla spiaggia dei pinguini, non rinunciare a godere dello spettacolo di uno dei percorsi più scenografici che questa porzione di Sudafrica ha in serbo per te. Prendi la fotocamera e inizia a scattare le tue cartoline personalizzate.

Auto a noleggio

Hai una carta di credito? Se sì, non stare tanto a pensare e prendi un’auto a noleggio, la miglior soluzione per spostarti dentro e fuori Città del Capo. Sei tu a decidere quando partire, sei tu ad avere in mano la situazione, sei sempre tu a decidere quando è ora di tornare in albergo. Sì, puoi anche prenderti gioco dei turisti come te che aspettano alla fermata dell’Hop on hop off.

All’aeroporto, quando arrivi, trovi quasi tutte le compagnie di rental car più famose in Europa e nel mondo. Il sito ufficiale indica quali società operano all’interno dello scalo: da Hertz ad Alamo, passando per Europcar e Avis, insieme a Budget, National, Dollar e Thrifty. Ti consiglio di affidarti alle aziende più quotate e affidabili, visto che sei molto lontano da casa. Quasi dimenticavo. Dimentica la guida europea, a Città del Capo il sedile del guidatore è a destra.

Navetta tour organizzato

Se non hai un’auto a noleggio e non puoi arrivare in treno alla tua destinazione, puoi sempre prenotare un tour organizzato con una o più guide. Io e la mia ragazza prima di partire per Città del Capo ci siamo affidati all’agenzia African Eagle Daytours che proponeva un interessante itinerario che includeva sia Capo di Buona Speranza sia Boulders Beach sia i Kirstenbosch Gardens.

La navetta è arrivata di buon’ora all’hotel. Ricordo che c’era un’americana fissata con i selfie, due ragazzi asiatici, una coppia francese ed una olandese. Dovremmo essere stati circa dieci all’interno del pulmino. L’escursione è durata tutto il giorno, con il ritorno in albergo intorno alle 18, giusto in tempo per andare a cena e salire su in camera.

La nostra guida era una signora un po’ in là con gli anni, residente a Città del Capo ma di chiare origini europee. Parlava un fluente inglese. Incluso nel costo del tour sia l’ingresso ed il pranzo a Boulders Beach che l’entrata ai famosi giardini botanici. Se ve lo consiglio? Direi proprio di sì. Forse la navetta è meno moderna rispetto a quella di altre agenzie ma puntualità e competenza sono al top.

In pullman

citta-del-capo-intercape
I bus della Intercape | Facebook Intercape

L’itinerario della mia vacanza a Città del Capo comprendeva come tappa intermedia la città di Knysna, distante più di 400 km. Per coprire tale distanza la scelta ricaduta sull’unico mezzo possibile: il pullman. Ho scelto la compagnia Intercape, dopo aver trovato buone recensioni in rete. Giudizio tutto sommato positivo, eccetto la durata biblica del viaggio.

Volendo, si trovano anche compagnie di pullman più lussuose. Se hai un budget tale da potertelo permettere, ti consiglio di prendere seriamente in considerazione tale opzione. Arrivi a destinazione prima e più riposato. Due aspetti importanti nell’economia di un viaggio.

La stazione dei bus Intercape si trova al seguente indirizzo: Intercape Office, Unit 2, Old Marine Drive, Cape Town Station. Per arrivare a Knysna da Città del Capo il bus ha impiegato sì e no 7 ore. Abbiamo speso 400 rand a testa, poco più di 20 euro a persona.

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui