Barcellona cosa visitare in 6 giorni: dalla Rambla al Quartiere Gotico

Barcellona è una di quelle città dai mille volti, che stupisce ogni volta che la si visita. Bella da vedere ogni stagione, da il meglio di se durante l’estate, quando si riempie di turisti attratti dalla sua spiaggia cittadina e dall’intensa vita notturna. Il capoluogo della Catalogna offre diversi spunti e itinerari di visita che partono dai monumenti, piazze e viali cittadini, fino ai musei, spiagge e la nightlife. Arrivati all’aeroporto di El Prat, che dista circa 10 km dal centro, si può arrivare in città in vari modi: i taxi impiegano 15 minuti e costano circa 30 euro per una corsa, è possibile anche prendere l’Aerobus in partenza dal T1 e T2, che collega l’aeroporto con Plaza de la Catalunya in 30 minuti ed ha un costo di 5,90 euro, oppure il treno della Renfe, in partenza dal T2 che porta diretti alla stazione Sants in 20 minuti. Una volta arrivati, scegliamo di visitare in 6 giorni Barcellona, tempo necessario per vivere appieno il ritmo di questa città colorata e moderna.
barcellona-barceloneta

Barcellona da vedere in 6 giorni: dalla Ramblas fino alla Barceloneta e alla Ciutat Vella

Appena arrivati in città una cosa da fare subito è acquistare l’abbonamento dei mezzi pubblici che permette di viaggiare su bus, tram e metro illimitatamente. La card ha un costo di 7 euro al giorno e sono disponibili vari tagli (2 giorni o 3 giorni). In 6 giorni si possono vedere moltissime cose ed avere tempo per shopping e relax in spiaggia. Il punto nevralgico di Barcellona è Plaça de la Catalunya, affollata a tutte le ore del giorno e punto di ritrovo di cittadini e turisti. Da qui si parte alla scoperta della nota Ramblas, il lungo viale alberato, che difficilmente troverete vuoto anche alle 5 del mattino. La Rambla, lunga quasi 1,5 km, collega Plaça de la Catalunya al porto ed è disseminata da ristoranti, bar, negozi, cafè all’aperto ed artisti di strada. Lungo la Ramblas potrete visitare il mercato della Boqueria, una vera delizia per occhi e palato; si tratta di un mercato alimentare coperto in cui passare qualche ora mangiando macedonie fresche o altre prelibatezze. Arrivati al porto imprescindibile è la visita alla Rambla de Mar, la continuazione della Rambla, che non è altro che una passerella di legno che collega la terraferma al noto centro commerciale Mare Magnum. Prima ancora di passeggiare lungo Rambla de Mar, è dovere scattare qualche foto all’imponente monumento dedicato a Cristoforo Colombo, in cui è possibile salire prendendo l’ascensore. Dalla zona del porto si arriva a piedi, in circa 20 minuti, alla Barceloneta, passando per il Passeig del Colom una passeggiata che costeggia il porto fino alla nota spiaggia cittadina. La Barceloneta è un luogo importante della metropoli spagnola, molto affollato in estate da bagnanti, ma anche da ciclisti, runners e turisti. Dal lungomare della Barceloneta si arriva in circa 15 minuti alla Vila Olimpica, un’area verde e moderna nata durante i giochi olimpici a Barcellona del 1992. Indispensabile è la visita alla Ciutal Vella, con il Barri Gotic e la Ribera, la parte più vecchia di Barcellona: qui ci si può perdere tra stradine, vicoli, botteghe, Chiese antiche (tra le più note la Chiesa di Santa Maria del Mar e la Cattedrale di Sant’Eulalia) e il Museo Picasso.
Barcellona-Casa Batllò

Luoghi interessanti a Barcellona: Sagrada Familia, Park Guell e Gaudi

Lasciata la parte vecchia di Barcellona la visita continua dal Passeig de Gràcia fino al Parco Guell. Dal noto viale alberato, gremito di negozi di lusso e cafè alla moda si possono visitare la Casa Batlló e la Pedrera, i due gioielli di Gaudì, simbolo dell’architettura barcellonese a arrivare fino alla bellissima Sagrada Familia, la basilica moderna ancora in costruzione progettata dallo stesso Gaudi. Prendendo il bus 24, che passa proprio lungo il Passeig de Gràcia, si arriva al Parc Guell, la città giardino di Gaudi patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.
barcellona-Parc Guell

E infine un salto al Tibidabo, Montjuïc e lo spettacolo della Font Magica

La visita di Barcellona approfondita continua al Tibidabo la collina alta 500 metri da cui si gode di una vista mozzafiato sulla città, che ospita il luna park più antico d’Europa, un belvedere e la Chiesa del Sacro Cuore. Per arrivarci è necessario prendere il treno L7 in partenza da Plaza de la Catalunya e poi il tram Blu che porta fino alla fermata della funicolare. Altro punto panoramico è quello del Montjuïc, la collina alta 177 metri che da proprio sulla zona portuale. Per visitare il Montjuïc si perde una giornata intera vista la presenza di numerose attrattive tra cui il Castello, il Poble Espanyol, lo Stadio Olimpico, il Museu Nacional d’Art de Catalunya, il giardino botanico e il Palau Sant Jordi. Imperdibile è lo spettacolo della Font Magica, che si svolge dal giovedì alla domenica sera dalle ore 21 alle ore 23. Si tratta di uno spettacolo di luci, musica e colori totalmente gratuito.

Se vi rimane ancora tempo per vedere altri luoghi insoliti di Barcellona vi consigliamo una visita al Parco de la Ciutadella con il vicino Arc de Triomf e il cosmopolita quartiere Raval, da cui si arriva percorrendo i vicoli ai lati della Rambla. Questo quartiere oggi è ricco di ristoranti modaioli pur respirando ancora un’aria multietnica.

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui