Passeggeri in aeroporto

Nuovi trend di viaggio per il 2021: che vacanze faremo in futuro

Quali saranno i nuovi trend di viaggio da qui al 2025? Ormai è chiaro che viaggiare sarà molto diverso nei prossimi anni e un ruolo fondamentale, ovviamente, lo ha la pandemia che ha stravolto tutto.
In base alla testata americana Skift, saranno diverse le tendenze che cambieranno il modo di viaggiare.

Viaggi vicino casa e a impatto zero

Il viaggio del futuro sarà sempre di più a impatto zero, con una maggiore attenzione per l’ambiente e le mete eco-stenibili. Allo stesso modo, ci sarà voglia di scoprire quelle destinazioni vicino a casa, dunque spazio al turismo di prossimità o addirittura direttamente nella propria città per vivere l'esperienza della staycation.

Workation, viaggi esperienziali e passione Asia

Ad avere una grande spinta fino al 2025 sarà anche il concetto di vacanza-lavoro, la cosiddetta Workation, viaggi in cui si unirà anche il tempo da dedicare al lavoro. Tra i paesi emergenti, in generale, ci sarà anche l’Asia, low cost e sicura dal punto di vista dei contagi. Sempre di più, inoltre, avranno appeal i viaggi esperenziali, delle vere e proprie esperienze ad hoc più che solo una vacanza. Basti pensare ai tour delle fioriture o dei luoghi "aromatici".

Leggi anche: Viaggi esperienziali tra piante aromatiche, la nuova tendenza post covid

Abbonamenti e isole private

Prima che il turismo riprenda quota ci vorrà tempo, ecco perché sarà fondamentale rimanere con i piedi a terra e cercare una ripartenza lenta. Un modo per far ritrovare la fiducia ai viaggiatori sarà proporre gli abbonamenti, una sorta di pacchetti personalizzati che potrebbe riguardare compagnie aeree, hotel e strutture ricettive. I turisti inizieranno a preferire anche le isole private, un modo per stare sicuri anche a costo di pagare di più.

Pagamenti virtuali e affitti brevi

Spazio anche ai pagamenti virtuali da app o da mobile wallet, un modo per avere tutto a portata di mano durante gli spostamenti. Prenderanno quota anche gli affitti brevi per le case, sistemazioni alternative o ville preferite agli hotel. Di recente, si era parlato come i viaggiatori, in questo periodo di pandemia, preferissero maggiormente le case vacanze agli hotel, per avere maggiore libertà e stare sicuri, lontano da altre persone.

Ti potrebbe interessare anche: Viaggi esperienziali tra piante aromatiche, la nuova tendenza post covid


5 borghi di montagna in Italia pittoreschi e bellissimi da visitare

La primavera inoltrata, da aprile a fine maggio, è l’ideale per visitare i piccoli borghi di montagna incastonati tra laghi, cime e scenari suggestivi. Ovviamente, l’invito è valido anche per i mesi estivi, ma se volete stare lontano dalla folla, il periodo propizio è la primavera o l'autunno da settembre a fine ottobre.

Campotosto in Abruzzo

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Abruzzo Official Travel (@abruzzoofficial)


Situato all’interno della Riserva del Lago omonimo, Composto è un delizioso borgo di montagna a 1420 metri di altitudine. E’ sicuramente un ottimo punto di partenza per ammirare bellissimi scenari o dilettarsi in passeggiate in mezzo alla natura o attività sportive come pesca e canoa. Non lontano si trova anche il Parco del Gran Sasso, da dove partono tanti itinerari naturalistici e di trekking.

San Lorenzo in Banale in Trentino Alto Adige


Situato ai piedi delle Dolomiti di Brenta, questo borgo è tra i più belli in Italia e ottimo punto di partenza per avventurarsi nei sentieri del Parco Naturale Adamello Brenta. Passeggiare tra i vicoli pittoreschi, le casette di legno, portici e angoli nascosti sarà un vero piacere per gli occhi e la mente.

Canale di Tenno, in Trentino Alto Adige

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ⭐️ KINGS SHOTS ⭐️ (@kings_shots)


Tra il lago di Garda e il lago di Tenno, si trova questo piccolo borgo medievale situato su uno sperone di roccia pieno di fascino e ovviamente una visuale a 360 gradi sulle montagne. La visita non impiega molto tempo, viste le piccole dimensioni, quanto basta per perdersi tra tipiche casette di legno con i balconi fioriti, ballatoi, sottopassi, viuzze nascoste e la nota Casa degli Artisti. Poco lontano è possibile visitare anche il borgo di Rango, il luminoso Lago di Tenno, Riva del Garda, Arco e le cascate del Varone.

Leggi anche: Smart working anche in montagna: le mete dove è possibile farlo

Chianale in Piemonte

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BORGHI | borghiritrovati (@borghiritrovati)


Tra i borghi di montagna più belli figura anche Chianale, un borgo situato a 1800 metri nell’Alta Val Varaita, al confine con la Francia, dove perdersi tra il rumore del ruscello e antiche abitazioni dal sapore alpino.

Auronzo di Cadore in Veneto


Situato nel cuore delle Dolomiti bellunesi, vicino al lago di Misurina e alle magnifiche Tre cime di Lavaredo, Auronzo di Cadore è un magnifico borgo di montagna, molto tranquillo e silenzioso, da dove esplorare il resto della zona e perdersi tra sentieri e scenari mozzafiato. Il must è il giro del lago di Santa Caterina, che circonda il paese, da effettuare a piedi.

Ti potrebbe interessare anche: 5 mete in montagna non troppo affollate da vedere in primavera


Vacanze all'estero e stretta Covid, la lista dei paesi dove si può viaggiare

Dopo i chiarimenti del Viminale sulla possibilità di viaggiare all’estero nonostante sia impossibile spostarsi tra le varie regioni italiane, sono tanti i connazionali che hanno deciso di partire per le vacanze di Pasqua. È bene però chiarire, che non è possibile andare in tutti i paesi ma solo in quelli contenuti nella lista C della sezione Viaggiare sicuri della Farnesina.

Dove è possibile andare?

Tra i paesi che è possibile raggiungere figurano la Croazia, Grecia, Spagna, Portogallo, Belgio, Francia, Slovenia, Malta, Danimarca e Isole Fær Øer, Cipro, Finlandia, Repubblica Ceca, Romania, Islanda, Norvegia, Svizzera, Irlanda, Lettonia, Estonia, Lituania, Bulgaria, Olanda, Svezia, Ungheria.
Fino al 6 aprile, chiunque andrà in vacanza in questi paesi, al momento del rientro in Italia dovrà sottoporsi al tampone e alla quarantena di 5 giorni.

La regola è stata voluta per spegnere la polemica relativa ai divieti di vacanze in Italia ma il permesso di andare in vacanza all'estero.
Molto importante è anche considerare le restrizioni dei singoli paesi. Infatti, se non ci sono particolari impedimenti nel raggiungere un dato paese, è anche vero che le regole locali variano ed è importante seguirle alla lettera.

Restrizioni nei vari paesi

Alle isole Canarie, ad esempio, dove in questo momento tanti italiani stanno scegliendo di partire, impongono che tutti i turisti presentino un test molecolare effettuato non prima delle 72 ore, oltre alla compilazione di un modulo di controllo sanitario. In aeroporto sarà misurata la temperatura. Sia a Tenerife, che Gran Canaria, Furteventura e Lanzarote sono previsti dei limiti agli spostamenti notturni dalle 22 alle 6.

Anche per recarsi in Spagna, un’altra meta molto gettonata, è necessario sottoporsi al test almeno 72 ore prima e bisogna considerare ugualmente dei limiti alla mobilità dalle ore 23 alle 6.
Regole più o meno simili valgono per tutti gli altri paesi in cui si impone prima di tutto un tampone negativo e poi nella maggior parte, esistono dei limiti agli spostamenti tra una regione e l’altra e gli spostamenti durante le ore notturne come in Italia.

Ti potrebbe interessare anche: Viaggi in Europa a Pasqua, tampone e quarantena obbligatoria al rientro


5 spiagge sicure e silenziose in Italia dove rilassarsi in pace

In tempo di pandemia, non è facile decidere dove andare in vacanza e soprattutto scegliere le spiagge meno affollate, dove trovare poca gente e poter passare in pace qualche ora. In Italia, fortunatamente, esistono molte spiagge silenziose o comunque non troppo piene di bagnanti. Eccone alcune da scegliere da Nord a Sud.

La Spiaggia del Buondormire, in Cilento

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da i Love Cilento (@ilovecilento.it)


A Palinuro, nel Cilento, c’è una spiaggia tranquilla e molto piccola, dove generalmente il silenzio regna sovrano, a meno di non andarci in pieno agosto. La Spiaggia del Buondormire, come dice il nome stesso, è caratterizzata da sabbia finissima e acque tranquille, si raggiunge via mare e sarà anche per questo che non è mai troppo affollata.

Punta Crena, in Liguria

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @liguria_super_pics


Anche in Liguria c’è una spiaggia con poca gente, raggiungibile solo via mare a nuoto o in canora, oppure tramite un sentiero per esperti escursionisti, un vero e proprio angolo di pace che si trova a Finale Ligure, non lontano dalle più popolari spiagge della riviera.

Spiaggia delle Due Sorelle nelle Marche


Nella Riviera del Conero, tra Portonovo e Sirolo, si trova la fotografatissima spiaggia delle Due Sorelle, raggiungibile solo in canoa, in barca o tramite un sentiero che generalmente viene sconsigliato a chi non è molto esperto e a volte è anche chiuso al pubblico. Il simbolo della spiaggia sono le due rocce bianche gemelle, che spuntano dall'acqua e hanno dato il nome a questo piccolo angolo di pace. Attenzione, durante i mesi estivi la folla potrebbe essere notevole, meglio andarci fino a giugno o a settembre.

Spiaggia Tuerredda in Sardegna


Nel Sud Ovest dell’isola, non lontano da Teulada, spicca la spiaggia di Tuerredda, un lembo di terra bianca con le acque chiare e calme dove trascorrere qualche ora in santa pace. Meglio evitarla però in piena estate, quando anche qui arrivano molti turisti. Andateci fino a giugno, per godere non solo la bellezza delle acque ma anche il rumore del vento.

Laguna del Mort, in Veneto

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da @lagunadelmort_eraclea


Questa laguna silenziosa si trova ad Eraclea Mare, la spiaggia è ampia e perfetta per chi non ama assolutamente il rumore assordante. La perfezione è al tramonto.

Ti potrebbe interessare anche: 5 borghi sul mare da vedere in primavera con poca gente


Ego Airways

La compagnia aerea Ego Airways punta anche ai voli per Ibiza e Mykonos

Sta per partire la compagnia aerea Ego Airways, che dal 30 marzo darà il via ai voli da Catania a Parma, a cui seguiranno i voli da Lamezia Terme, Forlì, Bari e Firenze, che debutteranno dal 31 marzo al 2 aprile.

La compagnia made in Italy pronta al decollo e guarda già all'estero

Dopo le novità annunciate da Ryanair e da altre compagnie aeree low cost come Wizz Air ed easyJet, che a partire da giugno collegheranno molte città italiane con Sicilia, Sardegna e Puglia, senza contare tutti gli altri voli verso le destinazioni estive estere, anche la nuova Ego Airways sembra guardare avanti e ha già pensato ai voli per Spagna e Grecia.

Tra la fine di marzo e la fine di maggio, la compagnia italiana completerà le partenze tra le città italiane coinvolgendo non solo Catania, Parma, Bari, Forlì, Firenze e Lamezia Terme, ma anche Cagliari, Olbia, Bergamo e Roma. Dal 28 maggio, inoltre, il vettore inizierà anche con le rotte estere e i primi voli per Mykonos e Ibiza, destinazioni altrettanto gettonate.

I voli sono già prenotabili con due diverse fasce di prezzo a seconda dei servizi offerti a bordo. Si parte dalla Just Go, che corrisponde alla fascia economy, in questo caso le tariffe partono da 48,90 euro, e la Private, da 98,90 euro, entrambe con possibilità di personalizzazione che prevede anche la scelta di pasti a bordo differenziati in base alle proprie esigenze.

La sfida delle compagnie aeree per il rilancio dei viaggi

Con la pandemia in corso, è chiaro che tutte le compagnie hanno dovuto un pò rivedere i piani ma la maggior parte di loro sembra andare verso una netta preferenza di mete nazionali, nell’incertezza generale ma con una grande speranza di ripresa a partire dalla bella stagione.

Di recente, infatti, oltre a Ryanair, che aveva annunciato numerose nuove destinazioni estive italiane, anche easyJet si era mossa per il periodo estivo andando ad aprire anche le vendite per i voli della prossima estate 2022, un grande passo avanti per rilanciare il turismo e il settore dei viaggi.

Ti potrebbe interessare anche: Ryanair non chiederà il passaporto vaccinale ai suoi passeggeri


5 borghi sul mare da vedere in primavera con poca gente

La primavera è arrivata e con essa anche la voglia di scoprire piccoli borghi sul mare, colorati e pittoreschi, dove ammirare panorami mozzafiato o passare qualche giorno lontano dal caos. Abbiamo scelto cinque borghi sul mare perfetti per la primavera e da vedere appena si potrà uscire e la pandemia sarà passata. La particolarità di tutti, è che sono particolarmente poco affollati e quindi perfetti per questo periodo.

Boccadasse in Liguria

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Boccadasse_official (@boccadasse_official)


Alle porte di Genova, si trova il piccolo borgo di Boccadasse, un vecchio villaggio di pescatori dove si respira ancora quell’aria marinara e sembra di vivere in un’altra epoca. Le case colorate, il canto dei gabbiani, i pescatori che ancora continuano le loro attività e i vicoli stretti che dalla spiaggia portano fino al belvedere rappresentano il must per rimanere incantati da questo luogo così silenzioso eppure a due passi dal centro di Genova. Da qui è possibile anche raggiungere un altro piccolo borgo, quello di Vernazzola.

Sirolo nelle Marche

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ❤️ (@turismosirolo)


Perla della Riviera del Conero e incastonato tra macchia Mediterranea e incantevoli spiagge rocciose, il borgo di Sirolo, nelle Marche, incanta al primo sguardo. In estate è particolarmente affollato dai turisti ma durante la primavera è ancora possibile trovare giornate miti dove scoprire a piedi i suoi vicoli luminosi, la piazzetta che pullula di bar e gelaterie e il meraviglioso belvedere da cui ammirare un panorama mozzafiato del Monte Conero e delle spiagge adiacenti. Con una camminata di pochi minuti in mezzo alla natura si raggiungono tutte le spiagge del borgo.

Dovresti leggere anche: 5 borghi delle Marche da visitare a Pasqua tra natura e fede

Castelsardo in Sardegna

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da The Sardinian people (@the_sardinian_people)


È uno dei borghi più belli in Italia e non solo grazie alle spiagge ma anche la posizione sul promontorio dell'Asinara da dove ammirare un panorama autentico, soprattutto al tramonto. Oltre alla vista stupefacente, è un dovere visitare la Cattedrale di Sant’Antonio, il Castello Doria e il centro storico medievale che ha il suo fulcro in Piazza Duomo, direttamente affacciata sul mare.

Laigueglia in Liguria

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Laigueglia (@laiguegliamagica)


Un altro borgo della Liguria ideale per le gioenate primaverili e poco affolato. Laigueglia, in provincia di Savona, è un intreccio di vicoli, casette rosa, piazzette animate e magnifici scorci sul mare da vivere durante la bella stagione. Da non perdere la Chiesa di San Matteo, il simbolo del borgo.

Scilla in Calabria

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Scilla - Chianalea (@scilla.chianalea)


Il borgo di Scilla, uno dei più belli della Calabria, grazie alla sua posizione a picco sul mare e le casette che sembrano toccare l’acqua è ideale da vedere quando ancora i turisti non affollano le spiagge. Da non perdere Castel Ruffo e Chianalea, tra panorami e leggende.

Ti potrebbe interessare anche: 5 mete vicino casa tra silenzio e natura per il 1 maggio


Vacanze in hotel dopo il covid: come sarà soggiornare negli alberghi

Di recente abbiamo visto come sarà viaggiare in aereo una volta che la pandemia avrà rallentato la sua corsa. Anche i soggiorni in hotel saranno molto diversi e un pò lo abbiamo sperimentato anche l’anno scorso, durante le vacanze estive, quando già un assaggio dei mutamenti erano chiari.

Dai pagamenti alla chiave virtuale

Dopo l’arrivo della seconda e terza ondata, che ormai dall’autunno non ci hanno lasciato in pace, la maggior parte delle strutture ricettive sono chiuse e quando potranno riaprire dovranno rivedere nuovamente le misure di sicurezza per accogliere i turisti. La permanenza negli hotel, B&B, agriturismi o case vacanze sarà molto diversa rispetto al passato e dovremo abituarci ancora per molto tempo, nonostante la campagna di vaccinazione in corsa, a mantenere la distanza e preferire forme di pagamento virtuale.

Un primo passo, infatti, sarà proprio quello di promuovere ai pagamenti virtuali e le prenotazioni online per evitare ogni contatto o limitare la presenza alla reception di molte persone contemporaneamente.

Oltre alla prenotazione online, già usata prima della pandemia, il cliente sarà invitato a pagare direttamente dal sito o usando pagamenti online appunto. Arriveranno anche le chiavi virtuali per aprire la porta della stanza, un modo per evitare di passare troppe volte di passare alla reception o di toccare gli stessi oggetti di altri clienti.

Menù virtuali

Oltre alla parte tecnologica, che avrà il compito di limitare il più possibile i contatti, un occhio in più sarà dato alla sanificazione delle stanze, le parti comuni, la sala colazione o la hall. Obbligo di mascherina e di igienizzare le mani quando si accede alla sala colazione o cena, saranno solo alcuni dei punti fondamentali da cui gli hotel dovranno ripartire, insieme all’adozione di altre pratiche, come l’adozione di menù virtuali da consultare online per velocizzare il processo dell’ordine e di conseguenza la permanenza nelle sale pasti. ma anche il limite ai buffet con la preferenza per i pasti serviti al tavolo.

La permanenza limitata negli spazi comuni, nelle sale dove si mangia e il minor contatto con la reception o altri clienti, è alla base della scelta di molti italiani, ma anche turisti stranieri, delle case vacanze o addirittura ville da affittare, dove molti di questi “problemi non esistono”. Un altro trend vede anche il boom dei viaggi in camper, in piena libertà e sicurezza.

Ti potrebbe interessare anche: Come sarà viaggiare in aereo dopo la pandemia?


5 paesi sicuri dove poter viaggiare dopo il coronavirus

Organizzare un viaggio per la prossima estate o i mesi a venire non è semplice in questo momento in cui le restrizioni e le varie zone rosse ci impediscono di capire come muoverci e dove andare. Un aiuto concreto per viaggiare all’estero, arriva dal portale Re Open, che indica tutte le regole, le restrizioni e la situazione epidemiologica dei singoli paesi e ci aiuta a scegliere quelli migliori sotto ogni punto di vista. Guardando alle informazioni presenti su Re Open abbiamo scelto 5 paesi dove è e sarà sicuro viaggiare prossimamente.

Islanda

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Guide to Iceland (@guidetoiceland)


L’Islanda, che ha deciso di riaprire ai turisti e nelle mappe europee è segnalata come verde, è uno dei paesi più sicuri in cui andare in vacanza tanto che sono già stati organizzati dei viaggi covid free. Oltre ai turisti vaccinati e guariti, l’Islanda è pronta ad accogliere anche i nomadi digitali. Nonostante non sia un paese prettamente economico, è certamente uno dei più belli per ammirare l'imponenza della natura selvaggia, tra ghiacciai, geyser, spiagge nere, cascate e tanto meraviglie che rimarranno nel cuore.

Finlandia

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Finland • Suomi 🇫🇮 (@visitfinlandia)


Anche la Finlandia ha pochi contagi, nelle mappe europee è inserita come zona arancione, quindi sicura. Per chi ama i viaggi all’insegna del distanziamento sociale è davvero perfetta. Da non perdere la Lapponia, il Parco Nazionale Urho Kekkonen, la Riserva Naturale Integrale di Kevo, il villaggio di Babbo Natale a Rovaniemi, la fortezza marina di Suomenlinna ma anche solo affittare un cottage estivo in mezzo alla natura finlandese è qualcosa di unico.

Potresti leggere anche: La Finlandia è il paese più felice del mondo e vale un viaggio

Sardegna


Se volete rimanere in Italia, la Sardegna è sicuramente la regione migliore per abbinare mare stupendo, relax e buona cucina. In questo momento i turisti devono presentare un tampone negativo per arrivare ma la situazione dovrebbe migliorare nei prossimi mesi e anche gli ingressi saranno regolamentati diversamente anche in vista della stagione estiva.

Ti potrebbe interessare anche: In Sardegna si entrerà solo con tampone negativo o vaccino

Canarie

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Islas Canarias (@islascanariasoficial)


Per veri viaggi covid freee ci sono anche le Canarie, destinazioni da raggiungere tutto l’anno e dove organizzare non solo sessioni di mare e abbronzatura, ma anche escursioni, trekking e giri in barca.

Algarve

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Algarve Tourism (@algarvetourism)


Il Portogallo Algarve, allo stesso modo, sono zone sicure e con pochi contagi al momento. Rispetto a qualche mese fa la situazione è molto migliorata, soprattutto nella regione Sud dell’Algarve, una vera meraviglia della natura dove perdersi tra spiagge dorate, scorci oceanici e vento. Tra i must le località di Lagos, Albufeira, Portimao con la sua Praia da Rocha, il promontório di Cabo de São Vicente, la spettacolare Grotta di Benagil e Praia da Marinha.

Dovresti leggere anche: 5 mete vicino casa tra silenzio e natura per il 1 maggio


Voli estate

Come sarà viaggiare in aereo dopo la pandemia?

Tra le speranze per i viaggiatori nel 2021 c’è sicuramente quella di poter tornare a viaggiare in aereo. In tanti neanche si ricordano più di com’era arrivare in aeroporto, fare la fila per il check in, imbarcarsi e guardare dal finestrino le nuvole.

Come cambieranno i viaggi in aereo

La pandemia ha cambiato del tutto il modo di viaggiare e spostarsi. Ora gli aeroporti sono spesso mezzi vuoti, così come i voli, chi può volare deve sottostare a controlli a partire da quelli della temperatura e non di rado anche tamponi rapidi, lunghe file per i controlli, senza dimenticare le distanze da rispettare, mascherine e gel igienizzante sempre a portata di mano.

Quando si potrà tornare a viaggiare in aereo, qualcosa sicuramente cambierà. Inizialmente, sarà comunque difficile vedere voli pieni, anzi per diverso tempo sarà molto più facile che i voli saranno un po più vuoti o comunque non sarà complicato trovare posto anche verso quelle mete per cui un tempo era un’impresa trovare posto. I prezzi saranno più bassi e ci saranno meno oscillazioni di prezzo.

Se un tempo, nel momento di acquistare un volo, i prezzi cambiavano già dopo qualche ora, adesso le tariffe sembrano più basse e i prezzi rimangono costanti per vari giorni. Un trend che continuerà anche per i prossimi mesi, visto che difficilmente i viaggiatori troveranno subito la fiducia verso il viaggio in aereo e ancora per un pò si continueranno a preferire altri mezzi. Ora poi molte compagnie offrono anche politiche di cancellazione gratuita o di spostamento data del volo pagando solo la differenza tariffaria; basti vedere le low cost come Ryanair o easyJet che propongono anche questa soluzione.

Una differente esperienza a bordo

Anche l'esperienza a bordo è destinata a cambiare: voli più vuoti, maggior silenzio, pasti consegnati sigillati e sicurissimi per evitare contagi, possibilità di pagare i servizi a bordo solo con la carta e non più con i contanti, sono solo alcuni dei cambiamenti che ci aspettano prossimamente, insieme a procedure molto più veloci in aeroporto per velocizzare l’imbarco ed evitare le soste inutili nell'hub. Viaggiare in aereo, almeno all'inizio, sarà un'esperienza del tutto nuova e ci vorrà davvero molto tempo prima che ritroveremo quella familiarità una volta saliti a bordo.

Ti potrebbe interessare anche: Le compagnie aeree che non richiederanno il passaporto vaccinale per viaggiare


Che viaggi sognano gli italiani per le prossime vacanze estive

Le vacanze 2021 per la maggior parte dei travel addicted saranno caratterizzate da prenotazioni last second e da una voglia matta di partire, senza badare tanto al luogo.

Tra last second e voglia di partire, le mete consigliate

Le attuali incertezze relative alle misure che cambiano di paese in paese, la pandemia che corre e le notizie non positive che sentiamo in TV non sembrano dare quella spinta ad organizzare un viaggio molti mesi prima come un tempo. Secondo un recente report di Hotels.com, Upgrade 2021, sembra che da un lato a fare da padrone saranno le prenotazioni fatte all’ultimo minuto e una sorta di impulsività nello scegliere la meta che in quel momento conviene di più, non solo in termini economici ma anche in base alle restrizioni di un dato paese e la situazione momentanea.

La voglia di viaggiare è tanta, ecco perché il 24% degli intervistati ha ammesso di essere pronto a prenotare un viaggio e partire anche il giono dopo, un trend molto in voga tra i più giovani, a cui il cambiamento non sembra fare paura.
Alcuni consigli arrivano anche per le mete tra cui scegliere, perchè se è vero che basta consultare l’elenco C del decreto per capire quali sono i paesi in cui è possibile recarsi o magari direttamente il sito della Farnesina. Weroad, ad esempio, consiglia le Canarie, dove il clima è mite tutto l’anno, è possibile passare il tempo tra surf, attività acquatiche, escursioni, trekking e un pò di sano divertimento. Le Canarie erano state scelte anche da Alpitour quando aveva proposto i viaggi covid free.
Tra le destinazioni consigliate anche la Lapponia Svedese, tra natura e silenzio e l’isola di Madeira, che accoglie anche i nomadi digitali.

Quella passione per il turismo rurale

Se il last second sembra avere un ruolo sempre più importante, è anche vero che gli italiani amano sempre di più i viaggi rurali. Secondo Airbnb, la pandemia ha fatto emergere un forte interesse per il turismo rurale, un tipo di viaggio basato più sull’idea di distanziamento sociale, staccare la spina e disconnettersi totalmente. Emerge, quindi, un chiaro interesse per la ricerca di luoghi tranquilli, isolati, itinerari insoliti in montagna o campagna o di un soggiorno in agriturismo.

Tra le mete più cercate per le vacanze estive al mare, invece, la Sardegna sembra vincere su tutti i fronti con Villasimius, San Teodoro, Alghero e Costa Rei. C’è poi la Puglia con Porto Cesareo e Gallipoli e la Sicilia con San Vito lo Capo. Ricercatissime anche la Toscana e l'Emilia Romagna con Riccione. Da un lato, insomma, c’è voglia di raggiungere mete popolari che ci fanno ricordare il nostro vecchio modo di viaggiare, dall’altro la voglia di scoprire luoghi meno noti e innovativi.

Ti potrebbe interessare anche: Le 5 mete italiane più trendy dell’estate 2021 non troppo affollate