Nuovi trend di viaggio per il 2021: che vacanze faremo in futuro

Passeggeri in aeroporto

Quali saranno i nuovi trend di viaggio da qui al 2025? Ormai è chiaro che viaggiare sarà molto diverso nei prossimi anni e un ruolo fondamentale, ovviamente, lo ha la pandemia che ha stravolto tutto.
In base alla testata americana Skift, saranno diverse le tendenze che cambieranno il modo di viaggiare.

Viaggi vicino casa e a impatto zero

Il viaggio del futuro sarà sempre di più a impatto zero, con una maggiore attenzione per l’ambiente e le mete eco-stenibili. Allo stesso modo, ci sarà voglia di scoprire quelle destinazioni vicino a casa, dunque spazio al turismo di prossimità o addirittura direttamente nella propria città per vivere l’esperienza della staycation.

Workation, viaggi esperienziali e passione Asia

Ad avere una grande spinta fino al 2025 sarà anche il concetto di vacanza-lavoro, la cosiddetta Workation, viaggi in cui si unirà anche il tempo da dedicare al lavoro. Tra i paesi emergenti, in generale, ci sarà anche l’Asia, low cost e sicura dal punto di vista dei contagi. Sempre di più, inoltre, avranno appeal i viaggi esperenziali, delle vere e proprie esperienze ad hoc più che solo una vacanza. Basti pensare ai tour delle fioriture o dei luoghi “aromatici”.

Leggi anche: Viaggi esperienziali tra piante aromatiche, la nuova tendenza post covid

Abbonamenti e isole private

Prima che il turismo riprenda quota ci vorrà tempo, ecco perché sarà fondamentale rimanere con i piedi a terra e cercare una ripartenza lenta. Un modo per far ritrovare la fiducia ai viaggiatori sarà proporre gli abbonamenti, una sorta di pacchetti personalizzati che potrebbe riguardare compagnie aeree, hotel e strutture ricettive. I turisti inizieranno a preferire anche le isole private, un modo per stare sicuri anche a costo di pagare di più.

Pagamenti virtuali e affitti brevi

Spazio anche ai pagamenti virtuali da app o da mobile wallet, un modo per avere tutto a portata di mano durante gli spostamenti. Prenderanno quota anche gli affitti brevi per le case, sistemazioni alternative o ville preferite agli hotel. Di recente, si era parlato come i viaggiatori, in questo periodo di pandemia, preferissero maggiormente le case vacanze agli hotel, per avere maggiore libertà e stare sicuri, lontano da altre persone.

Ti potrebbe interessare anche: Viaggi esperienziali tra piante aromatiche, la nuova tendenza post covid

Chiara Berti è la co-fondatrice di ComeViaggiare. Inizia a viaggiare senza sosta poco più che maggiorenne, venendo fermata soltanto da una delle pandemie più drammatiche che la storia ricordi. Alla passione per i viaggi unisce inoltre un profondo interesse per le tematiche collegate all’universo dei libri. Segni particolari: ailurofila.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.