Passaporto vaccinale, gli USA hanno un problema

Negli Stati Uniti la campagna di vaccinazione prosegue a un ritmo di 2,8 milioni di nuove persone vaccinate al giorno, dieci volte tanto che in Italia, ma ancora non basta.

Difatti, diversi Stati hanno registrato di recente un aumento dei casi positivi, dopo un trend che faceva ben sperare il Governo centrale. Tutta colpa delle varianti, responsabili dell’impennata dei casi degli ultimi giorni, che come in Europa stanno imperversando anche negli States.

Ma questo non è l’unico problema che l’amministrazione è costretta ad affrontare nell’ultimo periodo. Sembra infatti che ci sia più di un problema con l’adozione del passaporto vaccinale, nonostante in tempi non sospetti i media internazionali lo avessero presentato come l’ennesimo successo del pragmatismo targato USA, alla stregua dell’imponente campagna vaccinale.

Profezia che, al momento, tarda ad avverarsi. Anzi, è vero il contrario. Prima ancora che si muovesse la Casa Bianca, in campo c’erano già la bellezza di 16 iniziative. Tra queste il Travel Pass della IATA, l’Excelsior Pass dello Stato di New York, il pass messo a punto dall’Organizzazione mondiale della Sanità, e la Vaccine Credentials Iniatitive, che raggruppa alcune note società private statunitensi quali Salesforce, Oracle e Microsoft tramite l’associazione con la Mayo Clinic.

Il secondo problema è costituito dall’assenza, al momento, di una tecnica di certificazione a prova di falsificazione. A sollevare il caso è stata la BBC, attraverso un servizio che mostrava ai telespettatori come sia possibile trovare passaporti vaccinali falsi al prezzo di 150 dollari nel dark web. Già in passato – lo ricordiamo – il deep web finì al centro delle polemiche, dopo l’avvistamento di dosi pirata di vaccino.

Come se non bastasse, un’ulteriore bega arriva dall’atteggiamento di alcuni governatori di destra contro l’utilizzo del passaporto sanitario. Ron DeSantis, governatore della Florida e trumpiano doc, è deciso a proseguire la sua battaglia fino in fondo, affermando che non rilascerà mai nessuna certificazione.

A DeSantis si sono poi aggiunti alcuni esponenti repubblicani, che sono arrivati a paragonare il passaporto vaccinale ai metodi impiegati dai nazisti per l’identificazione degli ebrei.


Ti potrebbero interessare anche:

Federico Pisanu è co-fondatore e direttore di ComeViaggiare. Ha studiato Lettere Classiche all’Università di Cagliari, per poi trasferirsi ad Ancona dove attualmente vive. Ha collaborato per Salvatore Aranzulla, Money.it e il network di TuttoAndroid in qualità di SEO Editor. Nel novembre 2018 fonda il blog Viaggi e Ritratti, in cui racconta i suoi viaggi in giro per il mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.