5 borghi delle Marche da visitare a Pasqua tra natura e fede

Manca un mese alla Pasqua, e la situazione lato viaggi non è al momento delle più rosee. Vogliamo però ugualmente essere ottimisti, immaginando una festività diversa da quella dello scorso anno e dall’ultimo Natale trascorso in zona rossa.

Abbiamo pensato, quindi, che sia cosa buona e giusta consigliarvi cinque borghi – almeno un paio famosissimi – delle Marche in cui poter trascorrere il prossimo weekend pasquale tra natura, amore e fede. E nell’eventualità il 2021 non dovesse essere l’anno giusto, potete sempre tenere in considerazione questa lista per l’anno che verrà (che sa tanto di Capodanno, ma tant’è).

Sarnano

Spendiamo subito la carta natura con il borgo situato ai piedi dei Monti Sibillini, a oltre 500 metri d’altezza. Un paradiso per gli appassionati di trekking, con tanti itinerari adatti a tutti, sia ai semplici amanti delle camminate in mezzo all’aria aperta sia per chi è alla ricerca di qualcosa di più impegnativo.

E se invece volete concentrarvi unicamente sulla visita al centro storico, scaricate l’audioguida gratuita izi.Travel (link Androidlink iPhone) offerta dal comune, in modo da scoprire segreti e curiosità di un paese che affonda le sue origini a 750 anni fa. E non perdetevi nemmeno le famose terme, visto e considerato che Sarnano è anche un rinomato borgo termale.

Gradara

Un classico intramontabile. I merletti che puntellano il castello più famoso delle Marche regalano un’atmosfera fiabesca, pur sapendo come la realtà di questo luogo c’entri poco o nulla con il mondo delle fiabe. Se poi la storia di Paolo e Francesca dovesse risultare noiosa, potete sempre spostarvi nella vicina Fiorenzuola di Focara, dove troverete sì di nuovo Dante, ma anche una delle spiagge più belle delle Marche.

Offida

A proposito di merletti, un altro borgo che si candida a meta ideale per trascorrere le prossime vacanze di Pasqua nelle Marche è Offida. La patria del merletto a tombolo regala ai suoi ospiti un suggestivo centro storico, e altre chicche come il Teatro Serpente Aureo e la Chiesa di Santa Maria della Rocca. Potete inoltre approfittare della sua vicinanza con San Benedetto del Tronto per una tranquilla passeggiata lungo la Riviera delle Palme.

Montelupone

Il tema della spiritualità è associato alla Marche nove volte su dieci con la Basilica della Santa Casa di Loreto. In realtà esistono tanti altri luoghi d’interesse che trasformano la regione marchigiana in una destinazione ideale per celebrare la nascita di Gesù, e uno di questi è proprio Montelupone. Merito dell’affascinante Abbazia benedettina di San Firmano, fondata prima dell’anno Mille e custode delle spoglie del santo.

Torre di Palme

Chiudiamo il cerchio con la frazione di Fermo, una piccola bomboniera affacciata sul mare che regala il meglio di sé tra le viuzze del borgo. In primavera Torre di Palme è un’esplosione di fiori, una terrazza naturale dove trascorrere Pasqua e Pasquetta in totale relax, magari facendo un salto nella vicina Fermo per conoscerne la storia e i suoi musei.