L’idea di San Marino per il rilancio del turismo: tre notti in hotel al prezzo di una

Castello di San Marino (Volker Glätsch / Pixabay)

La ripresa del turismo viaggia lenta, soprattutto in questo momento in cui ci sono ancora tante restrizioni di viaggio che impediscono di andare dove si vuole.

Il voucher per le vacanze a San Marino

Tra le strategie per uscire dall’incubo e aiutare il settore a riprendere quota, ci sono i viaggi covid tested, i corridoi turistici e anche gli ormai noti passaporti sanitari digitali, che dovrebbero dare una spinta ai viaggi in aereo. Ne abbiamo solo poco tempo fa.
Anche le singole località guardano al futuro e pensano ad alcuni modi per aiutare albergatori e possessori di strutture ricettive ad uscire dalla crisi infinita in cui sono piombati da un anno a questa parte.

E’ il caso di San Marino, che ha pensato ad un voucher che consiste in 3 notti presso le strutture ricettive della zona con due gratis, dunque solo il costo della prima notte è a carico del cliente. L’idea è partita dalla Segreteria di Stato per il turismo di San Marino e l’intento è chiaro: promuovere la ripartenza del turismo. L’offerta consiste in un soggiorno di tre notti in una delle strutture ricettive di San Marino, di cui la prima notte è a carico del cliente e le altre due a carico dell’Ufficio del Turismo e della struttura stessa, per cui sono stati messi sul piatto 140mila euro per il progetto.

I dintorni di San Marino

Il Voucher Vacanza a San Marino dovrebbe essere attivo dal 15 marzo. L’Ufficio del Turismo ha inviato già un documento alle strutture alberghiere con il modulo di adesione. Non è ancora chiaro entro quando sarà possibile usare il voucher ma se l’iniziativa partirà dal 15 marzo è auspicabile che andrà avanti per diversi mesi anche per evitare che i clienti debbano rinunciare al viaggio per via delle restrizioni.

San Marino è ricca di cose da visitare e nei dintorni, per vivere al massimo un weekend in zona e approfittare di questa iniziativa che serve proprio a far ripartire il settore, è possibile scoprire anche la vicina Riviera Romagnola, ma soprattutto perdersi tra gli innumerevoli borghi medievali tra Romagna e Marche: da San Leo, passando per Gradara, Urbino, il Montefeltro, Bagno di Romagna, le Foreste Casentinesi, Mondaino, Montegridolfo e Saludecio.

Ti potrebbe interessare anche: La ripresa del turismo parte dai viaggi covid tested

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui