5 Paesi dove i turisti vaccinati possono viaggiare senza restrizioni

L’elenco dei Paesi dove i turisti vaccinati possono viaggiare senza restrizioni continua a crescere. L’Islanda ha fatto in un certo senso da apripista, ma è pur vero che anche i viaggiatori con regolare certificato di vaccinazione dovranno sottostare alle restrizioni presenti nel territorio islandese fino al 1° maggio. Manca invece la Grecia, nonostante l’accordo con Israele consenta alle persone vaccinate di spostarsi liberamente tra i due Paesi: quindi se una persona di nazionalità italiana vuole visitare il Paese ellenico o Israele non può farlo perché l’intesa firmata dalle due nazioni è appunto bilaterale.

Ecco i 5 Paesi dove i turisti vaccinati possono (o potranno) viaggiare senza restrizioni se in possesso di un certificato che attesti il vaccino anti Covid.

Cipro

La data da cerchiare in rosso è quella del 1° marzo, con il via libera ufficializzato dal ministro dei Trasporti Yiannis Karousos: i turisti che si sono sottoposti al vaccino potranno spostarsi liberamente sull’isola senza dover osservare il periodo di quarantena previsto per tutti gli altri viaggiatori.

Georgia

Dal 1° febbraio la Georgia accoglie tutti i viaggiatori che dimostrino di aver ricevuto la prima e la seconda dose del vaccino attraverso un regolare certificato. Al loro arrivo non dovranno né sottoporsi a tampone né osservare un periodo di quarantena.

Islanda

Come riportato all’inizio, l’Islanda è stato il primo Paese ad aprire ai turisti vaccinati, pur nel rispetto delle restrizioni in vigore entro i suoi confini fino al 1° maggio. Da quel giorno decadrà anche quest’ultimo paletto, e l’Islanda tornerà dunque ad aprirsi senza più alcuna restrizione ai viaggiatori che si sono sottoposti a vaccino.

Libano

Il Libano si accoda agli altri Paesi che stanno riaprendo le proprie frontiere ai turisti vaccinati e consente a chiunque presenti un certificato di vaccinazione valido di soggiornare liberamente nel proprio territorio. Oltre al vaccino però, i viaggiatori dovranno presentare un tampone negativo effettuato entro 96 ore dalla partenza e sottoporsi a un secondo test PCR all’arrivo in Libano.

Seychelles

Niente più quarantena di dieci giorni per tutte le persone che voleranno alle Seychelles con un certificato che provi la somministrazione del vaccino. Rimane però l’obbligo di fornire il referto di un tampone PCR negativo (da effettuare entro 72 ore la partenza) e si dovranno attendere 14 giorni dopo il vaccino per poter imbarcarsi sull’aereo e partire alla volta dell’arcipelago.

Potrebbe interessarvi anche: La Grecia sta pensando ai nomadi digitali

Federico Pisanu è co-fondatore e direttore di ComeViaggiare. Ha studiato Lettere Classiche all’Università di Cagliari, per poi trasferirsi ad Ancona dove attualmente vive. Ha collaborato per Salvatore Aranzulla, Money.it e il network di TuttoAndroid in qualità di SEO Editor. Nel novembre 2018 fonda il blog Viaggi e Ritratti, in cui racconta i suoi viaggi in giro per il mondo.

Lascia un commento