Re-Open Eu, come funziona la mappa per viaggi sicuri in Europa

Finalmente è realtà il progetto Re-open Eu dell’Unione Europea. Si tratta di una mappa completa in grado di aiutare i viaggiatori ad avere informazioni dettagliate e in tempo reale sulla situazione sanitaria del paese in cui ci si sta recando, nonché delle normative vigenti in base al paese.

Come funziona

Il funzionamento di Re-open Eu è molto semplice. Basta, infatti, selezionare il paese di interesse, che deve essere all’interno della Ue, e accedere ad alcune informazioni che riguardano sia la situazione sanitaria, sia l’obbligo di fare o meno la quarantena o sottoporsi al tampone. Presenti anche delle notizie in merito all’apertura di musei, negozi, attrazioni per turisti e le norme generali legate al coprifuoco e molto alto. La cosa bella di queste mappe, è che vengono aggiornate dagli stessi paesi e quindi sono presenti sempre notizie precise.

Perché è utile per viaggiare in sicurezza

Si tratta di un modo per aiutare i viaggiatori a spostarsi in maniera sicura ed essere sempre aggiornati in merito alle regole e la situazione presente in un determinato paese. Essendoci la traduzione in 24 lingue non è neppure necessario doversi adoperare per tradurre da soli. Ad esempio, se mi interessa sapere la situazione in Francia, basta cliccare sulla mappa e si aprirà una finestra in cui compariranno tutte le informazioni relative a numero di contagi, decessi, misure attuali come coprifuoco, obbligo di mascherina, divieto assembramenti e distanza sociale, negozi e luoghi di culto aperti e le varie misure per i trasporti pubblici. Interessante anche la parte in cui vengono indicate le chiusure o meno di ristoranti, bar, impianti sciistici, cinema, teatri e hotel.
Per capire se è possibile o meno recarsi in un determinato paese basta accadere alla parte dove si trova scritto:

Da uno Stato membro dell’UE o da un paese associato Schengen, posso entrare in questo paese senza essere soggetto a restrizioni straordinarie?

In cui seguono tutte le disposizioni necessarie per entrare, a partire da tamponi, vaccini o quarantene.
In sostanza, lo troviamo molto utile per poter organizzare un viaggio futuro e capire se un determinato paese è più o meno sicuro per spostarsi.

Ti potrebbe interessare anche: Viaggi e coronavirus: i paesi più sicuri che apriranno prime le frontiere

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui