I 5 Carnevali più antichi d’Italia

Carnevale di Venezia
Carnevale di Venezia (Ruth Archer / Pixabay)

Carnevale si avvicina, il desiderio di festeggiare anche, ma quest’anno sarà diverso da tutti gli altri a causa della pandemia. Dopo aver rovinato i piani di tanti eventi locali dodici mesi fa, anche nel 2021 il coronavirus è tornato a bussare alla porta. Stavolta però non ha colto impreparate le città, che già lo scorso autunno avevano deciso di posticipare la festa alla prossima estate, rimandando dunque soltanto di qualche mese il countdown che precede le date di giovedì e martedì grasso.

Per ingannare l’attesa, abbiamo pensato di preparare una delle nostre care liste includendo i 5 Carnevali più antichi d’Italia. Pronti a partire per il viaggio spazio-tempo più pazzo che ci sia?

Carnevale di Venezia (1094)

È il carnevale più antico d’Italia, per distacco. Un documento attesta per la prima volta il Carnevale di Venezia fin dal 1094. Un secolo e mezzo più tardi riceverà l’attestazione ufficiale di festa pubblica da parte del Senato della Repubblica (veneziana, si intende).

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da ℂ (@venice_carnival_official)

Carnevale di Fano (1347)

Se non è il più vecchio, è sicuramente il più dolce d’Italia. Il Carnevale di Fano si posiziona al secondo posto della classifica, anche se sono diversi gli storici che lo collocano come epigono dei Saturnalia latini e delle feste Dionisiache dei greche.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carnevale di Fano dal 1347 (@carnevaledifano)

Carnevale di Putignano (1394)

Un altro carnevale storico la cui prima attestazione ufficiale risale alla fine del Trecento. Da diversi siti viene erroneamente definito come il Carnevale più antico d’Europa, ma prima di lui sono documentate le feste di Fano e Venezia. Non solo, anche il terzo posto potrebbe essere in bilico.

Carnevale di Acireale (1594)

Duecento anni dopo Putignano, cinquecento anni dopo la Repubblica di Venezia, ma il Carnevale di Acireale fa parte del ristretto club dei carnevali storici d’Italia. Nei testi dei primissimi documenti storici viene inoltre riportata l’usanza tra i partecipanti di tirare arance e limoni, tradizione ripresa tempo dopo dalla città di Ivrea.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Carnevale di Acireale (@carnevaleacireale)

Carnevale di Cento (1615)

Parliamo di uno dei carnevali più famosi d’Europa per via del gemellaggio con il Carnevale di Rio de Janeiro, ma non tutti sanno che è anche da annoverare tra quelli più antichi. La data del 1615 è collegata all’affresco del Guercino, in cui appare per la prima volta.

Bonus / Carnevale di Oristano (metà XIII secolo)

Conoscete Sa Sartiglia? Si svolge l’ultima domenica di carnevale e nella data di martedì grasso a Oristano. Teoricamente è una corsa equestre per le vie del centro con protagonista su Componidori (la maschera principe dell’evento) e gli altri cavalieri della Corsa alla Stella, di fatto è un tutt’uno con il Carnevale di Oristano. Perché ve ne parliamo? Le prime attestazioni risalgono alla metà del XIII secolo, dunque anche prima del Carnevale di Fano.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sa Sartiglia (@sartiglia_oristano)

Potrebbe interessarvi anche: I 5 Carnevali più pazzi del mondo

Lascia un commento

Lascia il tuo commento
Inserisci il tuo nome qui